Iscriviti alla newsletter se vuoi ricevere esclusive scoperte ed ispirazioni per lo shopping in formato bambino (ma anche viaggi, libri e molto altro ancora).
Zapisz Zapisz

COLLEGIEN, NATALE DA RICORDARE

Da piccina i momenti dell’anno che aspettavo con più entusiasmo erano il mio compleanno e Natale. Ma se avessi dovuto scegliere credo che avrei sempre optato per il Natale, crescendo la situazione non è mai cambiata e non ho mai smesso di credere che Babbo Natale sarebbe caduto giù dalla cappa del mio camino.COLLEGIEN_NATALE
collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale L’albero di Natale lo facevo sempre in occasione dell’Immacolata con il mio nonno, era un momento speciale, tutto nostro. Mi ricordo ancora l’odore della scatola in legno che prendeva Nonno dalla soffitta, le palle di vetro soffiato che avevo quasi timore a stringere tra le mani. L’abete sintetico che mi pareva altissimo e bellissimo mentre a vederlo adesso è alto circa un metro e mezzo ed è l’albero più spelacchiato della storia. Passavamo giorni a cercare il muschio da utilizzare sul presepe che facevamo sempre nel tavolino in sala da pranzo, prima si foderava tutto, poi si creavano le montagne con la carta pacchi stropicciata e dopo Nonno attaccava al muro la carta blu con le stelle dorate a cui si appoggiava contro il tavolino che avrebbe accolto nei successivi minuti la capanna con Gesù bambino, Giuseppe e Maria, un angioletto dal viso dolce, i Re Magi, le pecorelle e i pastori fatti a mano da mia zia quando era ragazzina. Mamma mia quanto amavo quei pastori, li toccavo con calma e chiudendo gli occhi cercavo di immaginare la Zia piccina che modellava la creta per poi dipingerla. Ho sempre amato le storie e per me la vita è come un film, da rivedere mille volte socchiudendo gli occhi anche solo qualche istante, quante persone ho visto ballare dietro ad una finestra chiusa e spenta. Ad occhi chiusi quanti falegnami ho visto costruire letti e tavoli dove ho dormito e mangiato e quante donne al camino “ho visto” rammendare abiti che i miei nonni misero da bambini per poi romperli saltando alla corda o giocando a patata bollente, ho visto anche i miei nonni ballare il boogie woogie e proprio mentre volevo correre per abbracciarli così giovani, belli e felici ho aperto gli occhi e non c’erano più. Ma davanti ai miei occhi ci sono loro, il loro proseguo, il mio oggi e il mio domani.collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale Una che mi chiede la palla rossa e l’altra che la vuole solo dorata, la lotta a chi metterà il puntale e la fila davanti alla scatola del presepe sperando tocchi proprio a loro il turno per prendere Gesù bambino, ma quello tocca sempre a me, Nonno diceva così.collégien_natale

collégien_natale

collégien_nataleAssieme impacchettiamo i regali dei grandi, proprio come facevo io da piccola che pensavo di essere un piccolo elfo in trasferta e impacchettavo tutti i libri che trovavo nel soggiorno dei nonni.collégien_natale Il regalo in cui mettiamo sempre più amore è quello del nostro papà Alan, il papà che ci rimbocca le coperte cantandoci la ninna nanna, che corre veloce la mattina per trovare ancora il portone di scuola aperto, quel papà che quando gli chiediamo cosa vorrebbe per regalo, tutti gli anni ci risponde che non vuole nulla perché lui ha noi.collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale E mentre io mi scervello borbottando su quale regalo potergli fare senza che finisca in un cassetto inutilizzato Ginni inizia ad impacchettare le sue ciabatte preferite “perché mamma queste le mette sempre e nel cassetto non ci finiscono mai” e credo sia un po’ come funziona con i ricordi, quelli belli, quelli che ci rasserenano il cuore e la mente, restano sempre lì pronti a farci compagnia.collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale

collégien_natale

Che per voi questo periodo possa essere magico, pieno di ricordi ma soprattutto di attimi da ricordare.

collégien_natale

 

 

 

Post in collaborazione con Collegien, una certezza quando non sai che regalo fare o quando sai che proprio Collégien è la tua risposta. Le babbucce che indossiamo sono della linea natalizia Sweety e sono un’idea fantastica per tutta la famiglia (soprattutto se come noi amate stare scalzi e non sopportate la tipica ciabatta) da questa stagione però potrete trovare anche papillon o cravatta in maglia abbinate che sono davvero “super-wow”

Potete trovare le nostre babbucce cliccando qui se invece siete curiose di vedere papillon e altre idee regalo per i papà potete farlo cliccando qui

Solo fino al 12 Dicembre potrete avere la spedizione gratuita inserendo il codice sconto COLNINAKINA 

Servizio fotografico ad opera della bravissima e dolcissima Elena Kloppenburg che offre servizi fotografici per bambini e famiglie, al chiuso e all’aperto. Dal mini servizio fotografico al servizio di famiglia tra le mura di casa vostra (se volete vedere il mini servizio fotografico all’aperto che abbiamo fatto con lei in primavera potete farlo cliccando qui) per contattarla potete cliccare qui 

I nostri pigiami, trovati di tutta fretta sentendo l’impellente necessità di qualcosa di natalizio, sono stati acquistati da OVS 

 

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *