Iscriviti alla newsletter se vuoi ricevere esclusive scoperte ed ispirazioni per lo shopping in formato bambino (ma anche viaggi, libri e molto altro ancora).
Zapisz Zapisz

Per sempre papà

Ho scritto, cancellato e riscritto decine di volte. Avrei voluto dire tutto e allo stesso tempo niente e mentre pensavo mi scorrevano davanti agli occhi mille immagini: da quella prima linea rosa sul test di gravidanza ad oggi. La mia mano stretta nella tua alla prima ecografia, la nascita di Ginevra e quel ditino con cui si grattava la testa già nelle sue prime ore di vita, proprio come fai tu, la guardavi e già ti rivedevi in lei. Siamo cresciuti insieme sulle note degli Stadio che Ginevra ascoltava assieme a te ballando sopra i tuoi piedi e stringendosi forte alle tue mani.festa_del_papà_calze_collegien_ninakina21 mesi dopo è arrivata Carolina e appena aperti i suoi occhietti furbi ricercava il tuo sguardo tra mille persone. La ricordo un piccolo scricciolo stretto tra le tue braccia con il capo chino sul tuo petto intenta a sentire il tuo odore, da quel momento non ti ha lasciato più. Sei in ogni disegno, in ogni chiamata al cellulare, in ogni chiave girata nel chiavistello che è sempre una festa.festa_del_papà_collegien_calze_ninakina

calze_collegien_festa_del_papà_ninakinaArriverà il giorno in cui non potranno più ballare sopra i tuoi piedi e non ti chiederanno più la storia prima di dormire (perché vogliono sempre e solo la tua) e ascolteranno il gruppo pop in voga al momento e gli Stadio diventeranno una musica “da vecchi”. Ma i vostri piedi si accavalleranno alla stessa maniera, vi gratterete la testa quando sarete stanchi, leggerete libri su libri anche se in stanze diverse e ballando sulle note della vostra musica preferita, con una porta sempre chiusa a dividervi, farete gli stessi passi.

 

Ringrazio Collégien per aver permesso a Ginevra di sentirsi ancor più uguale al suo papà.

3 Responses
  • Lalu
    19 . 03 . 2016

    Meraviglia!! Il rapporto con o papà e qualcosa di unico…ed io da mamma ne sono felice!

  • Giusy
    19 . 03 . 2016

    Mi hai commossa…più spesso Eli devi cascarci

  • Vero
    19 . 03 . 2016

    Non ho più mio padre da anni e leggendo queste parole è stato come rivivere momenti magici a cui troppo spesso non penso più. Grazie di cuore

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *