Iscriviti alla newsletter se vuoi ricevere esclusive scoperte ed ispirazioni per lo shopping in formato bambino (ma anche viaggi, libri e molto altro ancora).
Zapisz Zapisz

Avere tre figli, istruzioni per l’uso

Posted on

Se sei capitato qui senza aver seguito il mio blog prima è quasi sicuramente perché stai pensando se avere o meno tre figli, bene, ne hai già due? Tranquilla, il peggio è passato!

Ho sempre sognato di avere almeno tre figli ammirato le famiglie numerose cercando sempre di capirne le dinamiche, i pregi e i difetti.

avere tre figli esperienza

3 figli sono stati un mio sogno da prima ancora di avere Ginevra, la mia primogenita, poi dopo nemmeno 2 anni dal suon arrivo ho avuto Carolina, la nostra piccola adorabile peste

9 mesi senza mai dormire con una bimba “grande” ancora da spannolinare e mi sono presto chiesta “ma avrò mai il terzo figlio?” ero indubbiamente felicemente distrutta, sognavo più di 2 ore filate di sonno o una cena sola con mio marito.

Sarei mai diventata nuovamente mamma?

Per mesi e mesi, ma direi anche anno, ho pensato che forse quel secondo figlio sarebbe anche potuto bastare, le gelosie, le notti insonni, le tante esigenze diverse, tutto da affrontare da soli, senza nonni vicini, mi aveva messa a dura prova. Avrei dovuto trovare il nostro equilibrio e riprendere le forze.

due figlie femmine

Poi Carolina ha iniziato la materna (fino a quel momento è stata a casa con me) ed io ho iniziato ad avere tutte le mattine libere, per occuparmi del lavoro, della casa, dell’organizzazione e la sua mancanza si è fatta subito sentire.

Mi sono ricaricata, ho pensato alla casa da rinnovare, alle attività delle bambine, abbiamo fatto cene fuori soli come una coppia alle prime uscite, ci siamo concessi un weekend a Parigi.

Poi è tornato a fare toc toc alla porta quel pensiero che avevo solo accantonato per un po’. Perché non avere tre figli?

Mi mancava il profumo di un neonato, i mesi con il pancione che cresce, i primi sorrisi sdentati, i primi passi, e altre mille prime volte.

Quel pianto dolce che si calma solo in collo alla mamma, quella possibilità che avrei avuto di far vivere in prima persona questa esperienza magica alle mie figlie che, ormai, a 4 e 6 anni, sarebbero state totalmente consapevoli.

Mi sono chiesta più volte come l’avrebbero presa, come sarebbe andata, se ne sarebbero state gelose, se ci sarebbero state regressioni come fu quando ebbi la seconda figlia.

Ho letto mille siti, milioni di forum con le domande più disparate. Poi, un giorno d’autunno mettendo a letto le bambine Ginevra mi dice “mamma io vorrei chiedere a Gesù un fratellino, dici che ce lo manda?”. Me lo hanno chiesto per mesi. Erano pronte quanto lo eravamo noi.

3 figli erano davvero la quadra giusta mi dissi.

Quando ho scoperto di aspettare Guido è stato come una prima volta (l’annuncio lo feci proprio un’anno fa qui), la gioia era alle stelle, come non avessi mai provato nulla di simile prima, eppure era già successo due volte.

famiglia con tre figli

Ho avuto una terza gravidanza bellissima, le bambine l’hanno vissuta con me passo passo rendendola ancora più speciale. Mi accarezzavano il pancione, parlavano al fratellino dall’ombelico, continuavano a chiedermi di lui, a disegnarlo dappertutto.

Guido era già parte di questa famiglia, ancor prima di aprire gli occhi al mondo.

Mentirei se dicessi che gli ultimi mesi di gravidanza sono stati una passeggiata, ovviamente ero affaticata ed avevo comunque due bambine da seguire. E’ stato impegnativo ma davvero bellissimo, ancora ricordo i loro menti appoggiati sul pancione mentre gli asciugavo i capelli dopo il bagnetto.

Poi questo terzo figlio è arrivato davvero, è entrato nelle nostre vite come un piccolo uragano. Ha preso per se tutte le attenzioni. Soprattutto quelle delle sorelle, totalmente, pazzamente, follemente innamorate di lui.

Dal loro primo incontro ho capito che nulla sarebbe potuto essere più bello e perfetto di così. Nessuna fatica mi avrebbe mai potuto far pensare che forse 2 figli erano già abbastanza. Mai mi sono sentita tanto stanca quanto lo fui alla mia seconda gravidanza.

Avere un secondo figlio è come averne improvvisamente 10 assieme.

Ci si rende conto che bisogna avere la capacità di essere in più posti diversi nello stesso istante, che si deve avere la capacità di rispondere a due domande nello stesso istante, ad avere occhi per due e non per uno solo. Una volta superato quell’impatto, tostissimo, vi assicuro che tutto il resto è in discesa.

Ci saranno giornate infinite, ci saranno 3 figli che chiedono assieme 3 cose diverse, ci saranno esigenze diverse, gusti diversi, ma sarà tutto meravigliosamente perfetto.

Occhio però ai figli di mezzo, che tendono sempre a sentirsi schiacciati tra il grande e il piccolo sentendosi ne carne ne pesce. Non riuscendo a capire il loro posto quale è.

Per questo però non posso ancora dar consigli, anzi, ne chiedo a voi, con questo secondo, sempre il più impegnativo, come si fa? 😀

Le ciabattine coordinate per tutta la famiglia che indossiamo in foto sono le simpaticissime e comodissime Collégien perfette per casa e/o scuola e come idea regalo per grandi e piccini (sono dello stesso marchio anche i collant di Ginni e Carol), potete vedere tutte le varianti disponibili qui

Xo Elisa

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *