Iscriviti alla newsletter se vuoi ricevere esclusive scoperte ed ispirazioni per lo shopping in formato bambino (ma anche viaggi, libri e molto altro ancora).
Zapisz Zapisz

Questo Natale, sotto l’albero abbiamo trovato te

Posted on

20 anni fa ho ricevuto il più bel regalo che io avessi mai desiderato durante tutta la mia infanzia, mio fratello.

Ho chiesto un fratello per anni, penso quasi tutti i giorni senza mai essere accontentata.

Ricordo che a Natale scrivendo la letterina un fratello era una delle prime cose che avrei voluto chiedere a Babbo Natale, non chiedetemi perché non una sorella ma proprio un fratello perché questo io non lo so, forse immaginavo già che fratello mi sarebbe arrivato e non accettavo di doverne fare a meno?! Chi lo sa.

A 10 anni sono finalmente diventata una sorella maggiore e la sono diventata dal primo giorno in cui mia mamma mi disse “devo dirti una cosa, aspetto un bambino” ho sentito il cuore esplodermi nel petto e ancora adesso se ci penso mi vengono le lacrime agli occhi.

Ho vissuto tutta l’attesa, i primi calci, la scoperta del sesso (era maschio!), la scelta del cesareo, l’acquisto delle prime tutine, la scelta del nome, le sue ecografie, il giorno della sua nascita, il suo primo bagnetto, le coliche, i nostri riposini con lui sdraiato sulla mia pancia, la prima pappa, il primo dentino a spuntare, il primo a cadere, il primo giorno di scuola, le mie mance che finivano tutte per far regali a lui, tanto io il regalo più grande lo avevo già ricevuto.tartan-rosso-abbigliamento-donna-bambini

Una volta diventata grande ho deciso che, se ne avessi avuto la possibilità, avrei tanto voluto due figli ravvicinati per farli crescere assieme e non fargli sentire la mancanza di un fratello con cui crescere, quella che avevo avuto io per anni ed anni (che poi magari non avrebbero avuto ma un fratello/sorella è sempre un dono del cielo). Ho avuto la grazia di poter avere due figlie, senza nemmeno doverci pensare oserei dire

le ho desiderate e il giorno dopo erano già lì

Ginevra e Carolina non hanno ricordi l’una senza l’altra, non hanno vissuto l’attesa e non hanno avuto modo di desiderarsi. Si sono trovate amandosi subito e condividendo ogni attimo della loro vita.

Le ho viste spesso con gli occhi colmi di curiosità di fronte ad un pancione che cresce, tra le pagine di libri che parlano della magia di una gravidanza, con le braccia tese ad aiutare un bambino piccolo che cade, con gli occhi dolci di fronte ad un neonato che piange, con l’istinto dell’abbraccio e della carezza quando hanno accanto un bambino più piccolo di loro.

In loro rivedo un po’ me da bambina e quando le ho sentite chiedermi le stesse cose che chiedevo io insistentemente a mia mamma da piccola ho capito quale sarebbe stato il regalo più grande che avremmo potuto fargli trovare sotto l’albero di Natale quest’anno.

Abbiamo avuto la grande fortuna di essere stati ascoltati, anche questa volta, e il regalo più bello non lo troveremo fisicamente sotto l’albero (per quello dovremo aspettare la prossima primavera) ma è dentro ai nostri cuori e, soprattutto, dentro alla mia pancia.terza-gravidanza-annuncio

Un’emozione come fosse la prima volta, dal test di gravidanza, alla prima visita, alla pancia che inizia a crescere, ai jeans che stanno stretti, al doverlo dire a loro, proprio come fece mia mamma con me, esattamente alla stessa età mia adesso “devo dirvi una cosa, aspetto un bambino” gli occhi che diventano lucidi, i loro sorrisi increduli, il cuore che scoppia nel petto, ancora una volta.

“Mamma non riesco a pensare ad altro, sono così felice”, “mamma ma davvero è nella tua pancia?”, “mamma ma tra quanto esce?”, “mamma ma è femmina o maschio?”, “mamma che nome gli diamo?”, “mamma, adesso sono anche io una sorella maggiore!”, “ed io una sorella maggiore maggiore vero mamma?”blog-terza-gravidanza-abiti-premaman-tartan

Le mie giornate sono costellate da domande e attese, un’attesa che non è solo mia e del papà come è sempre stato, ma un’attesa che è nostra, un’attesa condivisa fatta di emozioni che si moltiplicano per 4, di sensazioni diverse, di curiosità e gratitudine.

Sotto l’albero quest’anno abbiamo trovato te, non sappiamo di che colore avrai gli occhi o i capelli, se somiglierai a mamma o papà o se sarai un mix delle tue sorelle, già così fiere di te da urlare al mondo che esisti anche se ancora nessuno ti può vedere.

Un Natale che sarà indelebile nei nostri cuori e nelle nostre menti.abiti-tartan-rosso-donna-bambini

Qui potete capire il perché delle mail a cui non sono riuscita a rispondere, della mia presenza su Instagram meno assidua, della mia stanchezza perenne, della mia memoria spesso ballerina, del non saper spesso cosa dire perché ciò che mi passava per la mente ancora dovevo tenerlo segreto per me.

Un mio ringraziamento grandissimo va a chi ha iniziato ad emozionarsi assieme a noi anche se in molti casi senza conoscerci personalmente, a chi è venuto incontro alle mie richieste e alle mie nuove esigenze.

A Cristiana di Dressai che mi ha assistita nella scelta dell’abito perfetto per questo Natale per me così importante, rispondendo ad ogni mia domanda e consigliandomi l‘abito perfetto per questo anno da donna incinta e per il prossimo da donna in allattamento (santi abiti chemisier con i bottoncini davanti, salvezza di ogni mamma di neonato! Se vi siete perse il post con i consigli su come vestirvi a Natale potete rimediare cliccando qui) e a Marta di ZiaZaza che oltre ad aver confezionato due gonne tartan per Ginni e Carol in perfetto abbinamento al mio vestito ha ricamato la maglietta “Big Sister” di Carolina, così emozionata di non essere più la sorella piccola ma anche lei sorella maggiore da non voler più indossare altro tutti i giorni! (per le gonne vi lascio il link qui e vi specifico che vi basterà contattare Marta per chiedere un ordine personalizzato, con il tessuto che più vi piace tra quelli disponibili)abito-sartoriale-donna-tartan-rosso-dressai

Che sia anche per voi un magico Natale, da noi 4+1

P.S Ringraziamo la poca luce dicembrina che filtra nel nostro soggiorno per questo effetto vintage che tanto ci si addice

Xo Elisa

 

P.P.S Vi ho lasciato i capi che trovate da noi indossati  in foto nei prodotti correlati qui sotto, vi basta un click sul singolo articolo per accedere allo shop online, avere maggiori informazioni, trovare taglie e alternative e, volendo, procedere direttamente all’acquisto

 

 

prodotti correlati

Acquista ABITO TARTAN DRESSAI

abito-tartan-dressai
Acquista DECOLLETE’ CHEVILLE

Acquista T-SHIRT BIG SISTER

big-sister-big-brother-t-shirt-maglietta
Acquista GONNA ARTIGIANALE

ninaina-ziazazagonna-bambina-artigianale

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *